About us

Il Mondo che non Vedo è, anzi… siamo noi: Erica e Michela. O Michela ed Erica, ma non ci piace molto la forma eufonica della congiunzione “e”.

Il Mondo che non Vedo è la nostra pazzia, non il nostro sogno. Se aprire una libreria caffetteria a Padova fosse stato il nostro sogno, sarebbe finito il giorno dell’inaugurazione.
Il nostro sogno, invece, è creare un mondo che ruoti attorno ai libri. Un mondo che non si vede, appunto, ma che si vive attraverso i libri. Un mondo dove i lettori percorrono itinerari di lettura, si incontrano intorno all’autore, che presenta il proprio libro, e si aggregano tra gli accordi di un pianoforte e un buon bicchiere di vino.
Questo è il nostro sogno, e lo coccoliamo ogni giorno. Con voi.

Ovviamente, visto che la nostra passione sono i libri, non potevamo non riempire gli scaffali con un’accurata selezione di marchi editoriali indipendenti, senza dimenticare lo studio con testi universitari per le nostrane giovani menti. Sì, perché, quando abbiamo deciso di dare una forma alla nostra pazzia, abbiamo scelto di essere vicine al nuovo polo umanistico dell’Università di Padova: via Beato Pellegrino (al numero 37, per essere precise).

Qui dovremmo aprire una parentesi su come è nato fisicamente (o è nata? Non abbiamo ancora deciso se è maschio o femmina) Il Mondo che non Vedo. Un giorno ti racconteremo le nostre avventure. Anzi, vienici a trovare! Ti racconteremo tutto.

Insomma, alla fine ce l’abbiamo fatta e, a novembre 2016 (il giorno 9, di mercoledì, perché mercoledì?), apriamo e il nostro sogno ha inizio.

Da quel bellissimo giorno, giorno dopo giorno, grazie soprattutto a chi cerca un buongiorno da noi, Il Mondo che non Vedo è un continuo rinnovamento di proposte letterarie sempre più accurate (abbiamo anche un intero scaffale riservato ai libri per l’infanzia, meglio iniziare da bambini, no?).

I nostri eventi, che ruotano sempre intorno ai libri, sono diventati sempre di più e, tra presentazioni e anteprime di libri, incontri tematici e serate di musica, i nostri sguardi si perdono nel vedere che il nostro sogno sta contagiando sempre più cuori.
E anche noi, quando a fine giornata chiudiamo la porta, non vedono l’ora di riaprirla ancora.

 

Questo è, anzi… siamo noi: Erica e Michela, o Michela ed Erica, ma non ci pia… beh… ora basta costringerti a leggere ancora qualcosa che non è scritta su una profumatissima pagina di carta.

 

La Maison des Amis des Livres

Adrienne Monnier

Il 15 novembre 1915, Adrienne Monnier aprì la libreria La Maison des Amis des Livres, al numero 7 di rue de l'Odéon, a Parigi, dove svolse anche l'attività di prestito di libri e dove organizzò sedute di lettura pubblica. Adrienne Monnier vi accolse numerosi scrittori: Paul Fort, Paul Valéry, Pascal Pia, Jules Romains, James Joyce, Louis Aragon, Ezra Pound, Charles Vildrac,...