Due minuti a mezzanotte – Presentazione

Presentazione di DUE MINUTI A MEZZANOTTE di Mario Di Vito (Fila 37 Editrice)
Dialogherà con l'autore Nicola Mastrangelo

«LEONARD COHEN DICEVA CHE C’È UNA CREPA IN OGNI COSA ED È DA Lì CHE ENTRA LA LUCE», MI DISSE.

«VUOL DIRE CHE BISOGNA STARE ATTENTI QUANDO SI VEDE LA LUCE, PERCHÉ POTREBBE ESSERCI UNA CREPA».

Francesco Santacaterina, commissario di polizia per caso, pensa che non possa capitare nulla di eccezionale a San Benedetto del Tronto. Tuttavia una notte viene trovato il cadavere di un giovane neofascista davanti a un centro di preghiera islamico. Il commissario sarà chiamato a scoprire la verità sul delitto. Sullo sfondo le tensioni sociali esplodono e la propaganda politica imperversa approfittando delle implicazioni del caso e rendendo la situazione sempre più complicata.

Santacaterina, insieme ai due ispettori Baldi e Costantini, con l’aiuto di un informatore e di una magistrata amica-nemica, si troverà ad affrontare una vicenda in cui ogni male viene per nuocere. Non c’è redenzione né coraggio, ma solo errori e debolezze, mentre il tempo scorre veloce. Aspettando la mezzanotte: la fine di tutte le cose.

MARIO DI VITO. Classe 1989, giornalista, si occupa di cronaca, politica, giustizia e ingiustizia per “il manifesto”. Nel 2016 esce il suo primo romanzo “Il male minore”, pubblicato da “edizioni ae”. Fuma troppo, tifa l’Ascoli, è contento quando le persone si divertono a leggere le sue pagine anche solo la metà di quanto a lui piaccia scriverle. Mente.