In serbo di Milica Marinković – Presentazione

In collaborazione con l'associazione Viaggiare i Balcani e con la Libreria Il Mondo che non vedo, con il Patrocinio dell'Ambasciata della Repubblica di Serbia a Roma.
In occasione del ventesimo anniversario dei bombardamenti Nato sulla Serbia e Montenegro.

PRESENTAZIONE di "IN SERBO" di Milica Marinković
Dialogherà con l'autrice: Aleksandra Ivić

1999. La NATO bombarda la Jugoslavia. La dodicenne Mila e la sua famiglia cercano scampo preferendo ai rifugi sotterranei il bosco, dove provano a condurre una vita “normale” aggrappandosi alle tradizioni e alle storie che la bisnonna, Shahrazād di questa guerra balcanica, racconta alla piccola comunità di persone che, come loro, hanno scelto di nascondersi nella natura. E così, attraverso le narrazioni della nana si delineano i nessi fra quello che accade nel Paese e la condizione umana, esistenziale e storica, e si rivelano le vere conseguenze della guerra su chi sopravvive ma si ritrova prostrato dagli smarrimenti mentali e dal vuoto emotivo che derivano dalla perdita delle persone care.

Con un prologo nei primi anni Novanta, al tempo della guerra in Bosnia, e un epilogo nel presente, in un futuro dopoguerra, In serbo fa i conti, nel suo ventesimo anniversario, con quella sanguinosa “missione di pace” della quale non si è parlato abbastanza nonostante la Serbia sia così vicina all’Italia.

AUTRICE:
Milica Marinković, nata a Smederevo (Serbia) nel 1987, laureatasi in Lingue e letterature romanze e in Linguistica francese presso l'Università di Belgrado, ha concluso un dottorato di ricerca in Francesistica all'Universita di Bari "Aldo Moro" con una tesi sul labirinto nella letteratura francofona. Ha pubblicato diversi saggi e racconti su riviste e siti specializzati e fa parte della redazione di «incroci. Semestrale di letteratura e altre scritture» (Adda). È (co)traduttrice di diversi volumi e coautrice di due antologie poetiche. Prima di IN SERBO, ha pubblicato il romanzo Piacere, Amelia (Les Flâneurs 2016). Vive a Bologna.

MODERATRICE:
Aleksandra Ivić, nata a Smederevo (Serbia), laureatasi in Lingua e letteratura italiana e lingua inglese presso l'Università di Belgrado e in Scienze dell'Educazione e della Formazione presso l'Università di Padova. Organizzatrice degli eventi culturali, promotrice della cultura jugoslava, interprete. Scrive saltuariamente per il portale online Osservatorio Balcani e Caucaso sui temi della storia e letteratura dei paesi ex-Jugoslavi. Vive a Padova.