Thessaloniki calling

Una spirale di domande ci accompagna da quando siamo tornati. L’esperienza nel campo profughi di Diavata, nei pressi di Salonicco, ci ha lasciato una sola certezza: la gente deve sapere. Vogliamo raccontarvi quello che abbiamo visto e vissuto con le persone di Diavata e questa volta abbiamo scelto di farlo attraverso le fotografie di Nathalie Bini*.

Siamo un gruppo di studenti universitari e a febbraio abbiamo trascorso una decina di giorni a Diavata, tramite la onlus La Luna di Vasilika, di cui Nathalie è co-fondatrice.

Diavata è uno dei tanti campi profughi nella Grecia del nord. Le famiglie di questo campo provengono per lo più dai paesi della penisola araba (Siria, Afghanistan, Iraq, Iran, Kuwait). A febbraio 709 profughi, di cui circa 350 bambini, vivevano a Diavata.
Nelle ultime settimane si è assistito a un nuovo flusso di persone: sono i siriani che scappano dai recenti bombardamenti. Il campo adesso è sovraffollato e la situazione si fa ulteriormente critica.

La maggior parte di loro vorrebbe proseguire il viaggio, ma a causa della chiusura della rotta balcanica prima e delle politiche migratorie europee poi, si trovano tutti bloccati in Grecia, ad aspettare il pezzo di carta che permetterà loro di ricominciare (forse) una vita vera altrove. E così aspettano e aspettano, anche se spesso passano anni, prima che ricevano una risposta.

Con questa mostra fotografica vogliamo portare a Padova una parte di questa realtà, a cui i media occidentali non prestano attenzione. Vi aspettiamo numerosi!

Siete tutti invitati alla GIORNATA DI APERTURA, che si terrà MARTEDì 15 MAGGIO alle ORE 18:30 al MONDO CHE NON VEDO, grazie a Erica e Michela che hanno deciso di dare voce a noi e agli abitanti dei campi profughi della Grecia.

Vi chiediamo poi di spargere la voce, perché anche i vostri amici possano venire a vedere le foto, che saranno esposte fino a metà giugno!

Chi sarà interessato ad acquistare una fotografia e a sostenere la Luna di Vasilika, potrà prenotarla e portarla a casa non appena la mostra sarà conclusa.

http://www.vasilikamoon.altervista.org/index.php per il sito ufficiale e https://www.facebook.com/lalunadivasilika/ per la pagina Facebook-.

*le foto della mostra sono state scattate nel campo di Vasilika, smantellato nell’estate 2017. Purtroppo, la situazione critica del campo di Diavata, che attualmente accoglie il doppio dei profughi previsti, non ci permette di mostrarvi già Diavata. Gli iter burocratici a cui bisogna sottostare all’interno di un campo profughi, infatti, hanno tempistiche molto dilatate… se venite alla giornata di apertura, avremo modo di parlarne insieme!

essay mama discount code
coolessay discount code